•  
     
     
    Alla Fondazione “Vico” nasce l’Associazione di rete dell’Ospitalità cilentana del GAL Cilento Regeneratio
    mercoledì, 15 giugno 2016
     
    Accedi alla sezione bandi e Avvisi per prendere visione del protocollo di intesa per la costituzione dell'Associazione rete dell'Ospitalità Cilentana
     
    Si è tenuto nella mattinata di lunedì 13 giugno 2016, l’incontro formativo – costitutivo, organizzato dal GAL Cilento Regeneratio,  alla Fondazione “Giambattista Vico”, presso la sede di Palazzo De Vargas, Vatolla (SA) dedicato alla costituzione della rete di imprese dell’ospitalità rurale del GAL Cilento Regeneratio verso il PSR Regione Campania 2014-2020. La giornata, che ha visto un’ottima partecipazione di pubblico appartenente al target obiettivo degli operatori turistici rurali, si è aperta con l’introduzione del dott. Claudio Aprea, esperto di sviluppo locale e di progettazione, che ha portato i saluti del presidente Fondazione Vico, prof. Vincenzo Pepe, assente per altri impegni istituzionali ed ha introdotto ampiamente il tema soffermandosi sulle opportunità legate alla rete di imprese.  Subito a seguire i saluti istituzionali del vice-presidente del GAL Cilento Regeneratio, ing. Mauro Inverso e l’introduzione dell’avv. Luca Cerretani, coordinatore del GAL nella programmazione 2007-2013, oggi nella segreteria politica del Consigliere Delegato all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Campania, avv. Francesco Alfieri. «Il PSR 2014-2020 - ha dichiarato Luca Cerretani - include la Misura 16.3.1 che prevede il “Contributo per associazioni di imprese del turismo rurale”. Dunque, il GAL può decidere di inserire, come sicuramente vorrà fare, le imprese che con noi sono nate e che hanno già partecipato con successo alle attività nella futura programmazione, riservando loro un posto di primo piano nelle progettualità del nuovo piano di sviluppo locale o anche solo promuovere l’accesso alla misura prevista dal PSR. Si tratta, in ogni caso, di importanti opportunità». A seguire l’intervento, come di consueto illuminante e ricco di spunti, del prof. Pasquale Persico, docente universitario esperto di sviluppo territoriale: «Bisogna ricercare l’unicità del territorio nel vantaggio competitivo generalizzato da cui il contesto è caratterizzato. Questo deve rappresentare metaforicamente “La locanda cilentana”. Noi tutti diciamo - ha evidenziato -  di conoscere il nostro territorio, ma non è così. Spesso noi stessi non lo conosciamo. La bellezza di questo territorio è che abbiamo una possibilità infinita di fare mappe di marketing territoriale». A seguire la testimonianza interessante e acuta del dott. Bruno De Conciliis, imprenditore vinicolo punta di eccellenza del Cilento: «Se avessi prodotto il vino come lo produceva mio padre, non avrei venduta neanche una bottiglia. Quando sento parlare di tradizione, tremo. La tradizione è importante. L’innovazione è fondamentale. Il primo ospite della Locanda – ha concluso – è il locandiere. Il locandiere è ospitante se impersona e racconta il luogo in cui si trova». Il noto produttore di vini esportati in tutto il mondo ha lanciato l’iniziativa “l’Ateneo del Vino errante” volta alla ricerca dei “semi” culturali di cui c’è traccia nel nostro territorio. Tanti gli interventi e gli spunti di riflessione del pubblico intervenuto, tra cui  quello di Angela Riccio, proprietaria della struttura ricettiva “Borgo Riccio” di Torchiara che ha lanciato l’idea di un progetto di trasporto pubblico ecologico che colleghi i turisti giunti nei borghi fino al mare.
     
     
     
     
    Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per la Campania 2007- 2013, Asse 4 - Leader Organismo responsabile dell' informazione: GAL CILENTO REGENERATIO Autorità di gestione: Regione Campania – A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario.
     
     
    iscrivimi  cancellami
     
    Array ( [r] => notizie [id] => 1234567 [lan] => it ) 1Array ( ) 1bool(false)